Sanzioni Fiscali: Andando all’Estero si Pagano?

26 Novembre 2015
In questo report scoprirai che andare a vivere all’estero non ti sottopone a sanzioni fiscali, a patto che tu svolga tutte le procedure di trasferimento in maniera corretta.

sanzioni trasferimento

Una domanda piuttosto ingenua che mi viene posta è la seguente: “se vado all’estero pago delle sanzioni allo Stato italiano?”. Secondo la logica di questa domanda il semplice fatto di andare all’estero costituisce una violazione della normativa italiana o comunque costituisce un elemento riprovevole moralmente.

La risposta a tale domanda è molto semplice: “ogni essere umano, secondo la normativa italiana e internazionale, è libero di stabilire la propria residenza dove preferisce nel rispetto della normativa vigente”.

Questo vuol dire che puoi andare all’estero quando preferisci senza temere alcun tipo di sanzione. E’ altresì evidente che se sei agli arresti domiciliari non sei affatto libero di cambiare la tua residenza così facilmente.

Quindi, se non ti è stata limitata la libertà personale, non devi temere alcun tipo di ritorsione o sanzione da parte delle autorità italiane se decidi di trasferirti all’estero.

Eppure migliaia di persone che si trasferiscono all’estero subiscono pesanti sanzioni specialmente da parte del Fisco italiano. Com’è possibile? Se i cittadini italiani sono liberi di muoversi perché ricevono sanzioni quando si trasferiscono all’estero?

Il problema è che non basta trasferirsi all’estero, bisogna anche comunicarlo alle autorità e dimostrare l’effettivo trasferimento. Se lo Stato italiano crede che tu sia ancora in Italia continuerà a trattarti come residente italiano. E’ compito tuo dimostrare che non vivi più in Italia.

banner-trasferimento-sicuro

Se non assolvi a questo compito le autorità italiane continueranno a credere che sei in Italia e ti manderanno comunicazioni ufficiali (cartelle esattoriali, ecc.) al tuo indirizzo di residenza in Italia. Se tu non vivi più in Italia non potrai leggere tale corrispondenza e non potendo pagare le cartelle esattoriali scattano le multe e le sanzioni. In poche parole sarai considerato evasore fiscale!

In questo caso riceverai sicuramente delle sanzioni. Quindi il problema da affrontare è il seguente: “come fare per andare all’estero pur restando in regola con il fisco italiano?”

Per risolvere proprio questo problema è appunto nato Trasferimento Sicuro

Trasferimento Sicuro ti pone al riparo dalle sanzioni fiscali

Nel trasferimento di residenza fiscale all’estero vige un principio molto semplice: quanti più interessi hai in Italia tanto più sarà necessario avvalerti di un professionista che ti supporti nel trasferimento all’estero.

Infatti ciò che lo Stato italiano valuta per determinate l’effettività del tuo cambio di residenza è proprio l’ammontare degli interessi che conservi in Italia.

In poche parole quanto più sei legato all’Italia tanto più è importante seguire tutte le procedure consigliate dalla consulenza Trasferimento Sicuro.

E’ evidente che uno studente, senza proprietà immobiliari e che non ha mai lavorato non ha molti interessi in Italia, quindi non dovrà affaticarsi molto per dimostrare il suo trasferimento di residenza all’estero. Viceversa un padre di famiglia con casa di proprietà, figli a scuola, mutuo, automobile, partita IVA, previdenza sociale, incarichi professionali e associativi, dovrà dimostrare che tutti questi interessi in Italia sono realmente decaduti.

Non è affatto una procedura impossibile, certamente richiede un po’ di attenzione, ma è alla portata di tutti. Qualche anno fa un imprenditore italiano si è trasferito in Austria portando con sé addirittura un’acciaieria, quindi puoi immaginare che si ci è riuscito lui può riuscirci chiunque.

Viceversa se non segui le procedure corrette potresti ritrovarti nei guai e vedere le sanzioni accumularsi nella tua casella di posta in Italia… con gli interessi. Con il rischio che, a Natale, quando torni in Italia per fare visit alla famiglia ti ritrovi i Finanzieri ad accoglierti a braccia aperte all’aereoporto. Il regalo ci penseranno loro a fartelo.

La migliore cosa da fare quindi è quella di rivolgersi ad un professionista. Chi si è rivolto al mio studio non è mai stato raggiunto da nessuna contestazione da parte dell’agenzia delle entrate. Il motivo per cui siamo così efficienti è che abbiamo deciso di concentrarci esclusivamente sulla fiscalità internazionale.

banner-trasferimento-sicuro

A differenza del commercialista tradizionale che si occupa di tutto, noi lavoriamo esclusivamente sul tributario internazionale e sulle problematiche riguardanti trasferimenti di residenza e tax planning internazionale.

Proprio per questo motivo abbiamo raggiunto un grado di efficienza superiore a quella del commercialista tradizionale ed è proprio per questo motivo che la maggioranza delle persone che vogliono trasferirsi all’estero si rivolgono proprio a noi.

Inoltre Trasferimento Sicuro non si limita solamente a dirti quali step devi compiere per effettuare il trasferimento di residenza all’estero, ti permette di blindarti al 300% da ogni possibile contestazione dell’agenzia delle entrate. La tua posizione diventa letteralmente inattacabile proprio grazie alla nostra esperienza in materia.

Luca Taglialatela

Dottore commercialista e tributarista internazionale, creatore di Trasferimento Sicuro, il primo blog dedicato ai trasferimenti di residenza fiscale dall’Italia verso l’estero e Tax Planning Internazionale, il primo blog che insegna agli imprenditori come risparmiare fiscalmente sull’attività della propria azienda grazie al tax planning internazionale.

Leggi Anche:

Iscriviti alla Newsletter

Iscrivendoti alla nostra Newsletter potrai scaricare gratuitamente la guida di Tax Planning Internazionale! Il manuale con le regole base per aprire una società offshore!