Tax Planning Internazionale Logo Text G 150
Contattaci su Whatsapp

Gestire i Clienti in Italia: e’ Possibile Farlo dall’Estero?

18 Giugno 2015
In questo report scoprirai come è possibile gestire i clienti italiani senza essere residenti in Italia e senza dover pagare le tasse italiane.

gestire i clienti Vendere In Italia è un’attività molto tosta. Gli Italiani sono quelli che si lamentano più di tutti (insieme ai Russi) e che aprono meno volentieri il portafogli.

Non c’e’ nulla da fare, siamo un popolo di risparmiatori incalliti. Ovviamente questa non è una buona notizia per te che cerchi proprio di vendere i tuoi servizi/prodotti.

Poniamo però il caso che tu sia un gran venditore e che alla fine riesci sempre a spuntarla. Nonostante la crisi e la scarsa voglia degli italiani di spendere i loro soldi tu riesci sempre a spuntarla e a vendere i tuoi servizi a prezzi decenti.

Ti faccio i miei complimenti! Ma c’è ancora un problema.

Vivi in Italia! Non in un paese capitalista moderno, ma in una specie di Socialismo Reale all’Italiana. La caratteristica è che tutti arraffano tutto e vivono sulle spalle di chi lavora veramente.

Infatti le difficoltà non terminano qui. Una volta che hai venduto al cliente poi arriva lo Stato a riscuotere la sua parte.

banner-trasferimento-sicuro

Tra imposizione fiscale e contributi ti ritrovi dimezzato il fatturato. Ti ricordo infatti che l’Italia è il paese con la pressione fiscale più alta al mondo (52% secondo la Fondazione dei dottori commercialisti: http://bit.ly/1enpGm3)

Come se non bastasse la tua vendita va ad alimentare e rifocillare un gruppo di burocrati dello Stato, del tuo ordine professionale e dell’Ente contributivo che non vedrai mai e che vive letteralmente sulle tue spalle e sulle tue fatiche.

Dopo tutto buona parte dei tuoi risparmi deve andare a finanziare gli stipendi milionari degli Amministratori. Poi ovviamente ci sono i manager intermedi che non fanno certamente la fame e migliaia di altre branche inutili dell’Amministrazione.

Per cui impegnati pure a vendere i tuoi prodotti ed ad aprire partita IVA in Italia perché questi burocrati questa estate vogliono fare spese pazze e hanno bisogno di qualcuno che li finanzi.

E’ così che vanno spesi i tuoi soldi. Ma credo che già lo sapevi, quindi non continuerò a infilare il coltello nella piaga.

Come Faccio a Continuare a Gestire i Clienti e a Non Buttare i Miei Soldi in Tasse e Contributi?

Ok quindi come faccio a gestire i clienti senza buttare i miei soldi in Italia? Io sono italiano, vivo in Italia e ho un’azienda italiana. Sono senza speranze? Sono destinato a vedere il mio patrimonio andare in pasto a questi burocrati ingordi?

In realtà c’è una soluzione e viene attualmente seguita da molte persone. Quello che puoi fare è di trasferire la residenza tua e della tua azienda in un paese limitrofo all’Italia. Per esempio la Svizzera potrebbe essere una buona soluzione. Dopodiché continui a gestire i tuoi clienti italiani dalla Svizzera.

Ma attenzione: non dovrai avere in Italia cose come la sede degli impianti produttivi e/o di stoccaggio (quando esistenti), la localizzazione degli investimenti, la sede degli uffici ove si svolgono le funzioni amministrativo-contabili, eccetera.

Ovviamente se hai una tabaccheria, una macelleria o una pizzeria non puoi fare una cosa del genere e sei condannato a fare da suddito tutta la vita. In tal caso mi dispiace per te. O cambi business o ti rassegni a pagare gabelle folli.

Ma se hai un’azienda che non trae i suoi clienti dallo stare su strada (tipicamente bar, tabaccherie, ristoranti, negozi generalisti, giornalai), allora puoi tranquillamente trasferirti in un altro paese e gestire i clienti da lontano.

Puoi infatti dotarti di:

  • un’infrastruttura online che ti permetta di catturare i clienti
  • generare lead tramite lettere di vendita cartacee
  • assumere dei commerciali che effettuino telefonate dalla Svizzera (non dall’Italia)

Quindi puoi tranquillamente continuare ad operare in Italia pur vivendo all’estero. I vantaggi sono enormi e non violi la legge in alcun modo.

Ovviamente non è facilissimo come te l’ho descritto e, soprattutto, deve trattarsi di un trasferimento reale e non fittizio di residenza, scorciatoie non ce ne sono. L’agenzia delle entrate tenterà sempre di contestare il tuo trasferimento di residenza. Per cui dovrai dotarti di alcune contromisure fondamentali che spieghiamo nella Consulenza Trasferimento Sicuro™ (http://bit.ly/trasferimento-sicuro)

Sappi che qualora il Fisco dovesse contestare il tuo trasferimento (avviene spesso) dovrai dotarti dell’aiuto di un esperto che renda inattaccabile la tua dichiarazione di trasferimento di residenza fiscale.

Quali sono i paesi dove effettuare il trasferimento?

I criteri per scegliere il paese dove vuoi recarti sono diversi e non includono solo motivazioni fiscali.

Innazitutto devi decidere qual è la tua priorità. Se la tua priorità è pagare poche tasse allora sappi che l’imposizione in Serbia, Montenegro, Macedonia, Albania, Malta, Svizzera e Bulgaria è molto conveniente.

Si tratta di paesi relativamente vicini all’Italia. Il volo aereo costa sui 200$ e in poco tempo sei in Italia. Se invece risiedi in Svizzera non hai nemmeno bisogno dell’aereo. Con l’automobile sei a Milano in poche ore.

banner-trasferimento-sicuro

Viceversa se i tuoi affari sono principalmente nel Sud Italia allora potresti preferire paesi come Malta, Montenegro o Albania (ottime condizioni fiscali). Puoi essere a Napoli o Roma in breve tempo per svolgere i tuoi affari, per incontrare un cliente o semplicemente un familiare.

Inoltre i paesi del sud Europa hanno un clima mediterraneo e una cucina molto simile a quella italiana (almeno negli ingredienti). Se il clima e l’ambiente circostante fanno parte delle tue priorità allora devi scegliere il Sud Europa.

Se la tua priorirtà consiste nell’ottenere facilmente la residenza permanente (fondamentale per effettuare il trasferimento fiscale dall’Italia) allora sappi che ottenere la residenza permanente in un paese aderente alla UE è molto più semplice rispetto ad un paese extra UE.

In tal caso la scelta da fare è Malta, Bulgaria o Cipro. Questi sono paesi con un’imposizione fiscale molto bassa, sono membri UE e sono molto vicini all’Italia.

Come puoi vedere ci sono numerosi fattori da prendere in considerazione prima di effettuare un trasferimento di residenza e il supporto di un esperto è praticamente fondamentale.

La Consulenza Trasferimento Sicuro™ è dedicata proprio a coloro che vogliono effettuare un trasferimento di residenza e hanno bisogno delle informazioni e suggerimenti di base per portarlo a termine.

 

Luca Taglialatela

Dottore commercialista e tributarista internazionale, creatore di Trasferimento Sicuro, il primo blog dedicato ai trasferimenti di residenza fiscale dall’Italia verso l’estero e Tax Planning Internazionale, il primo blog che insegna agli imprenditori come risparmiare fiscalmente sull’attività della propria azienda grazie al tax planning internazionale.

Leggi Anche:

Iscriviti alla Newsletter

Scarica adesso gratuitamente la I Parte della Guida “I 25 passi per Trasferirsi all’Estero in Sicurezza”e comincia ad orientarti sulle principali linee guida da seguire elaborate grazie alla nostra esperienza ultraventennale.

cover ebook luca IPAD pt.1
Cerca